Come costruire un terrario per rettili

È possibile costruire un terrario per rettili anche senza rivolgersi a negozi specializzati qualora si desideri risparmiare sui costi e soprattutto realizzare un prodotto che soddisfi pienamente le proprie esigenze.
Il primo fattore da prendere in esame è quello della zona disponibile; a seconda dei tipi di rettili che desideriamo ospitare è molto importante stabilire le dimensioni del terrario, cercando di ottimizzare gli spazi.

Caratteristiche di un terrario

Per allestire un terrario che risponda ai migliori requisiti è indispensabile prendere in esame alcune caratteristiche.

Materiali

Le materie prime maggiormente utilizzate sono il legno ed il vetro.
I terrari in legno offrono ottime garanzie di sicurezza e sono molto robusti; inoltre, poiché questo materiale è di origine naturale possiede delle caratteristiche organiche ideali per gli esseri viventi.
Dal punto di vista estetico il legno è molto bello e suggerisce calore e protezione, anche se non viene consigliato per animali che necessitano di habitat umidi per poter vivere.
Il vetro è un materiale perfetto per la trasparenza che consente di vedere tutto quanto è racchiuso al suo interno, ed inoltre, non assorbendo i liquidi, viene utilizzato per animali che vivono in ambienti con elevati tassi di umidità.
Le teche in vetro possono essere pulite e disinfettate con estrema facilità, ma sono fragili e richiedono grande attenzione per la loro manutenzione.
Il metallo viene usato quasi unicamente per la base del terrario, spesso costituita da un cassetto estraibile che deve essere asportato periodicamente per le operazioni igieniche di routine.
La melammina è una tavola di materiale pressato ricoperta da un laminato plastico impermeabile; si tratta di un prodotto molto gradevole dal punto di vista estetico che offre notevoli garanzie di robustezza, ma che è anche piuttosto pesante. Quindi viene usata soltanto per alcune opzioni.
Nella scelta dei materiali è necessario prendere in esame la specie di rettili che si intende ospitare; ad esempio i serpenti hanno bisogno di materiali lisci, come il vetro o la termoplastica, mentre le lucertole, che amano arrampicarsi lungo le pareti, necessitano di reti possibilmente smaltate.
Le tartarughe hanno bisogno di un habitat costruito in legno oppure in vetro, mai con materiali dotati di fori, entro i quali si potrebbero impigliare.

Dimensioni

La dimensione del terrario è strettamente correlata al genere di animale che deve contenere; è indispensabile che il rettile possa disporre di uno spazio sufficiente per muoversi agevolmente senza sentirsi imprigionato, ma nello stesso tempo non deve essere troppo isolato qualora il terrario fosse troppo ampio. Una buona regola è quella di calcolare uno spazio pari almeno al doppio delle dimensioni dell'animale.

Riscaldamento

Dato che i rettili sono esseri eterotermi, che regolano la loro temperatura corporea in rapporto a quella esterna, è basilare poterli fornire di un sistema di riscaldamento, da mettere in funzione durante i periodi freddi.
In commercio sono reperibili degli adesivi riscaldanti da appoggiare sulla base del terrario e che devono poi essere ricoperti con materiali inerti.
È inoltre consigliabile utilizzare una lampada ad incandescenza da posizionare sul soffitto, che può essere sostituita anche da un semplice riscaldatore di ceramica. Bisogna assolutamente disporre di un termostato per evitare eccessivi picchi di temperatura.

Illuminazione

Molti rettili hanno bisogno di luce per vivere quindi è consigliabile usare delle fonti luminose fluorescenti, che offrono le prestazioni più performanti; o di quelle incandescenti che producono anche calore. È possibile installare una luce esterna al terrario per illuminarlo al meglio.

Ventilazione

È sempre raccomandabile dotare il terrario di un sistema di ventilazione, costituito da fori disposti sulle pareti, per assicurare un continuo ricircolo d'aria indispensabile per il benessere dell'animale. Attenzione alle dimensioni dei fori che non devono lasciar passare l'animale.

Arredamento

All'interno del terrario si può disporre sul fondo sia terra che rocce, sabbia e sassi arricchiti con corteccia, muschio o rami per le specie che sono solite arrampicarsi.